PIENA DI AMORE PER LA VITA Lc 1,26-38

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
 
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
 
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».

Lc 1,26-38

La storia della salvezza (ossia dell’umanizzazione dell’uomo nella storia) ha sempre a che fare con dei sì detti alla vita.

Quella che per i cristiani è l’espressione più alta dell’umano (il figlio di Dio), Gesù di Nazareth, viene al mondo grazie al sì di una giovane ragazza che decide di portare avanti una gravidanza inaspettata, inattesa, difficile.

Una gravidanza che la esporrà alla critica, al giudizio, persino al rischio per la propria vita.

Eppure dice di sì, la giovane Myriam (Maria), dice di sì alla vita che è sempre misteriosa e sorprendente, dice di sì al prendersi cura che costa sempre sofferenza, dolore, incomprensione e dubbi, eppure è l’unica cosa che vale davvero la pena fare, l’unica esperienza realmente capace di riempire di senso l’esistenza.

Senza dubbio Gesù ha mosso i primi passi in quella fede e in quell’amore in cui diventerà maestro alla scuola di questa ragazza coraggiosa.